null La Cooperativa di Comunità “la C.I.A.” sale sul podio con il progetto “R/Esistenze”.

La Cooperativa di Comunità “la C.I.A.” sale sul podio con il progetto “R/Esistenze”.

20 marzo


La Cooperativa di Comunità “la C.I.A.” sale sul podio con il progetto “R/Esistenze”.  
Il progetto, vincitore del bando “Strategia Fotografia 2020” promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura, ha ottenuto un punteggio di 85/100 per la “Qualità, originalità e coerenza della proposta ed il rilevante interesse culturale del progetto di produzione dell'opera fotografica, tenendo conto del CV dell'autore coinvolto, dell'importanza per il patrimonio pubblico fotografico”.

 

Il progetto, nato in collaborazione con il fotografo Giancarlo Barzagli, si manifesterà in seno a E50035, ex- edicola, divenuta grazie a un precedente progetto, spazio comunitario per le arti contemporanee a Palazzuolo Sul Senio. Tutto ciò fa parte di un percorso di visione legato alla riqualificazione urbana a base culturale, in cui, anche grazie a questo nuovo ambizioso progetto, la cooperativa vuole essere “costruttrice della storia del nostro presente” e "fare qualcosa PER la comunità CON la partecipazione della comunità" afferma il vice-presidente Andrea Cappelli.

Il progetto R/Esistenze punta a costituire un nuovo fondo di immagini legato al tema delle aree interne e alle comunità che su di esse insistono, con particolare attenzione alla zona dell’Alto Mugello, al confine tra Toscana e Emilia Romagna, come primo passo per la creazione di un fondo fotografico dell’Appennino Tosco-Romagnolo, che vada ad accrescere la documentazione che riguarda gli usi e i costumi delle comunità di questa zona.
“La fotografia, con la sua valenza documentaria, viene scelta come medium per la sua capacità di leggere un territorio e le comunità che lo abitano. R/Esistenze, non solo fa parte di un mio percorso di ricerca personale, ma,” sottolinea il fotografo Giancarlo Barzagli, “indaga il rapporto tra identità, memoria e territorio, così da dare nuova vita e rilievo a livello nazionale ai nostri luoghi e comunità attraverso l’espressione artistica e la creatività, strumenti fondamentali di questo percorso”.

Paesaggio di confine

I contenuti testuali e multimediali di questa sezione del sito sono sotto la cura e la totale responsabilità del soggetto gestore della pagina della cooperativa. 

Per le policy d'uso della piattaforma, consultare la pagina: open.toscana.it/privacy